architectural portfolio

Click here to load reader

  • date post

    05-Apr-2016
  • Category

    Documents

  • view

    215
  • download

    1

Embed Size (px)

description

maja persić, mag.ing.arch.

Transcript of architectural portfolio

  • portfoliomaja persi

    mag. ing. arch.

  • Maja Persimag. ing. arch.

    tel. br. I +385915116211, +393474277930

    datum ro. I 27/07/1987

    adresa I Ive Marinkovia 24, Rijeka, Hrvatska

    [email protected]

  • curruculum vitae

    2 houses in crni lug

    rethinking the archetype

    manzano recover

    040 reloaded

    into the wild

    design guidelines for the area of the np risnjak I np risnjak, croatia, 2012

    crni lug, croatia, 2012

    redisign work and living I manzano, italy, 2011

    recovery of the ex-hospital of the abandoned I trieste, italy, 2011

    project for abbandoned alpine military base zucchi I chiusaforte, italy, 2011

    6

    8

    18

    26

    38

    46

  • contents

  • sijeanj 2013 - rujan 2013

    arhitekt pripravnik I Arhetip d.o.o. I Rijeka (Hrvatska)pruanje raznih arhitektonskih usluga pri legalizaciji bespravno sagraenih objekata u Republici

    Hrvatskoj

    studeni 2013 - studeni 2014

    arhitekt pripravnik I Tiora d.o.o. I Matulji (Hrvatska)suradnja na raznovrsnim projektima rekonstrukcije i novogradnje, izmjere postojeeg stanja zgra-

    da, priprema i razrada projektne dokumentacije (idejnih i glavnih projekata), izrada trokovnika,

    koordiniranje sa strunim suradnicima

    svibanj 2012 - listopad 2012

    tutor I Arhitektonski fakultet I Sveuilite u Trstu (Italija)orijentacija i asistencija studenata, rijeavanje administrativnih poslova Fakulteta, koordiniranje stu-

    denata sa fakultetskim uslunim centrom

    rujan 2010 - veljaa 2011

    staist I Odjel za arhitektonsko i urbanistiko planiranje I Sveuilite u Trstu (Italija)analiza arhitektonske batine Sveuilita u Trstu u svrhu njezinog katalogiranja i arhiviranja u baze

    podataka Ministarstva, direktne izmjere i analize graevina, povijesno-istraivake aktivnosti

    kolovoz 2010

    asistent I Banac i Cima I Rijeka (Hrvatska)suradnja na realizaciji idejnog arhitektonsko-urbanistikog rjeenja za parcelu parkiralita Beretich u centru grada Rijeke

    dodijeljena kvalifikacija

    ustanova

    diplomski rad

    steena znanja

    dodijeljena kvalifikacija

    ustanova

    naslov diplomskog rada

    steena znanja

    radno mjesto

    aktivnosti i odgovornosti

    radno mjesto

    aktivnosti i odgovornosti

    radno mjesto

    aktivnosti i odgovornosti

    radno mjesto

    aktivnosti i odgovornosti

    radno mjesto

    aktivnosti i odgovornosti

    naziv teaja

    ustanova

    tema zavrnog rada

    steena znanja

    listopad 2009 - prosinac 2012

    Magistar inenjer arhitekture

    Diplomski studij arhitekture I Sveuilite u Trstu I Trst (Italija)Promiljanje arhetipa: Smjernice za projektiranje u zoni Nacionalnog Parka Risnjak mentori: prof. arch. G. Fraziano, prof. arch. G. Damianiintegrirano projektiranje, izrada idejnih krajobrazno-urbanistikih rjeenja ureenja, seizmiki i strukturalni problemi povijesnih graevina

    listopad 2005 - listopad 2009

    Sveuilini prvostupnik inenjer arhitekture

    Preddiplomski studij arhitekture I Sveuilite u Trstu I Trst (Italija)Projekt restauracije i rekvalifikacije lansirne rampe tvornice Torpedo u Rijeci mentor: prof. arch. S. Pratali Maffei

    arhitektonsko i urbanistiko projektiranje, konzervatorske i restauratorske tehnike

    travanj 2013 - lipanj 2013

    Design for All - diversity as a resource (higher educational course)POLI.design I Consorzio del Politecnico di Milano I Milano (Italija)Genius loci - identitet prostora mentori: A. Accolla, L. Bandini Butiprimjena naela Design-a for All, holistika ergonomija, marketing, antropometrija, svijet media

    obrazovanje

    radno iskustvoc6

  • jezici

    materinji

    ostali

    informatike vjetine

    operativni sustav

    crtanje 2d, 3d i rendering

    grafiki dizajn

    ostalo

    vozaka dozvola

    ostalo

    ostali interesi

    hrvatski, talijanskiengleski I napredna razinafrancuski I poetna razinapanjolski I poetna/srednja razina

    Windows, MacOS

    AutoCAD, Revit (osnovno), Sketchup (V-Ray), Artlantis

    Photoshop, Illustrator, InDesign

    Microsoft Office alati (Word, Excel, PowerPoint)

    B kategorija

    izrada maketa, grafika obrada slika i elaborata, priprema materijala za natjeaje i izlobe

    dizajn interijera, umjetnost knjievnost, glazba, kinematografija, putovanja, skijanje, yogavosobne vjetine

    7

  • 8

  • 2 houses in crni lugmasters degree thesis2012, crni lug I croatia

    filip oso, maja persi

    9

  • 1:500

    Ripensare larchetipo:linee guida per la progettazione nellarea del Parco Nazionale Risnjak

    Progetto per due case a Crni LugFilip oso, Maja Persi

    relatore: Giovanni Fraziano, correlatore: Giovanni Damiani

    10

  • 1:500

    Ripensare larchetipo:linee guida per la progettazione nellarea del Parco Nazionale Risnjak

    Progetto per due case a Crni LugFilip oso, Maja Persi

    relatore: Giovanni Fraziano, correlatore: Giovanni Damiani

    Il progetto per due case a Crni Lug rappre-senta in un certo senso un esempio di con-cretizzazione dei principi espressi nel libro

    Ripensare larchetipo: linee guida per la progettazione nellarea del Parco Nazionale

    Risnjak, un manifesto per le buone maniere nel costruire, nellarea del Gorski Kotar.

    Il progetto prende in gioco gli elementi carat-terizzanti delle case del Gorski Kotar, prece-dentemente individuati nel libro, evidenzian-

    done alcuni aspetti, ma facendo attenzione a mantenerli facilmente riconoscibili. Lelemen-

    to archetipico del tetto assume un ruolo di protagonista in entrambe le case: nella prima esso rimane caratteristicamente alto in sezi-

    one, e fortemente pendente, ma leggermente ruotato e distorto, come per risemblare una copertura a tenda, col manto di copertura in uno strato di verde estensivo; nella seconda

    casa il tetto invece enfatizza un altro elemen-to

    importante delle case montane - labbaino, estremizzandone le forme e le posizioni e

    facendone cos il principale motivo composi-tivo del progetto.

    La peculiare topografia del lotto, con con-tinui e bruschi cambi di quota, consente alle

    due case di essere posizionate in modo da non interagire visualmente luna con laltra. Inoltre, permette di ricavare spazi ipogei, e

    seminterrati , un motivo compositivo impor-tante, caratteristico del progetto di entrambe

    le case.11

  • + 672,5

    + 672,5

    + 675,5

    + 675,5

    + 675,5

    + 672,5

    + 672,5

    + 672,5

    12

  • + 672,5

    + 672,5

    + 675,5

    + 675,5

    + 675,5+ 672,5

    + 675,5

    + 675,5

    + 672,5

    + 678,5

    13

  • + 680,0

    + 680,0 + 680,0

    + 683,0

    + 681,5

    14

  • + 680,0

    + 683,0

    + 681,5

    S 07

    S 08

    S 02

    S 02

    S 04

    S 04

    S 06

    S 06

    + 680,0

    + 681,5

    + 683,0

    15

  • 1:10

    0se

    zione

    08

    16

  • 1:10

    0se

    zione

    08

    17

  • 18

  • rethinking the archetype

    study for the masters degree thesis

    2012, np risnjak I croatia

    filip oso, maja persi

    19

  • 20

  • Gli elementi caratterizzanti di qualsiasi destinazi-one turistica dipendono da vari fattori sociali e

    naturali: posizionamento geografico, condizioni climatiche, particolarit del suolo, materiale di

    costruzione locale, abitanti di tale terririo, urban-izzazione o ruralizzazione di questarea e infine

    dalla preservazione dei valori tradizionali oppure dalla scomparsa di tutti questi elementi.

    La regione del Gorski kotar ed il Parco Nazionale Risnjak hanno delle caratteristiche importanti

    che devono essere tutelate e sviluppate. Proprio con questintento stato creato questo libro con-tenente lo sviluppo di alcune regole e linee guida

    per il progetto, la costruzione e la riqualificazi-one degli edifici residenziali di questa regione. Queste linee guida sono una serie di istruzioni

    utili per lo sviluppo sostenibile delParco Nazionale Risnjak. Il loro intento quello

    di stimolare le amministrazioni locali ad assicura-re lobbligo di conformit ad una regolamentazi-

    one che sia quanto responsabile nei confronti del patrimonio storico, tanto cosciente della conti-nua (ed indispensabile) evoluzione culturale ed architettonica a cui esso sottoposto. Le linee guida, successivamente riportate, dovrebbero

    essere intese piuttosto come ausilio ad una qual-siasi attivit progettuale sul territorio in questio-ne, con la speranza che anchesse implementino

    un eventuale piano per lo sviluppo, oppure fun-gano da ispirazione per la realizzazione di altre

    iniziative simili.Il fine ultimo di creare un ambiente in cui tutte le parti interessate allesecuzione delle proprie

    attivit tutelino il territorio come risorsa preziosa.

    21

  • 22

  • 23

  • 24

  • 25

  • 26

  • manzanorecover

    integrated design laboratory2011, manzano I italy

    francesco cimolino, filip oso,luca maiello, maja persi

    27

  • 28

  • Il progetto ha come concetto generatore la messa a sistema dellarea di progetto con

    alcuni punti specifici del tessuto urbano.Quest ultimi costituiscono i nodi in base ai

    quali vengono ripensati e migliorati i collega-menti di una parte di citt.

    Il sentiero della Sdricca, il castello , ledificio del municipio, il foledor, la piazza del mer-

    cato, il muro perimetrale in pietra e la casa coloniale, vengono messi in relazione tra loro per mezzo di percorsi ciclopedonali e pedon-ali. Allinterno dell area di progetto vengono

    individuati due sottoaree: una a densit di costruito maggiore e una completamente a prato detta area serena. Sulla prima viene

    pensato un intervento misto: una parte di recupero architettonico che sfrutta gli involu-

    cri e per quanto possibile la struttura di due edifici esistenti (il rudere della casa coloniale, e un edificio industriale dismesso) e una par-te ex-novo che funge da connettore tra i due edifici recuperati e che va a definire un asse nord sud all interno dell area. Sulla seconda sottoarea viene pensato un intervento resi-

    denziale che si sviluppa grazie ad una griglia che definisce e modula lo spazio.

    29

  • 30

  • 31

  • 32

  • 33

  • 1DETTAGLIO A: SISTEMA COTRUTTIVOSEZIONE VERTICALE - SCALA 1:201. pavimentazione esterna in pietra 50mm, massetto di posa in sabbia 30mm, strato di ghiaia fine 50mm2. magrone 100mm, strato di protezione della fondazione, plinto di fondazione, strato impermeabile in guaina bituminosa3. tubo drenante 154. magrone 100mm5. vespaio areato h:34+10/50x50cm, cls alleggerito per il passaggio delle tuba-zioni 40mm, barriera al vapore 4mm, strato isolante in lana di roccia 40 mm, catino riflettente in alluminio 8mm, pavimento radiante in anidrite 50mm6. gocciolatoio metallico 7. finestra con apertura ad anta e parte superiore fissa con infisso in alluminio e vetrocamera 4/18/4 8. controsoffitto in pannelli di cartongesso 120x200mm 12mm, telaio di sup-porto in profili di alluminio a C9. solaio prefabbricato alveolare in cemento armato 200mm10. trave prefabbricata in cemento armato 25x25mm11. scuro scorrevole con telaio in alluminio12. tamponamento esterno: pannello OSB 35mm, barriera al vapore 4mm, fibra di legno x isolamento termico 80mm, pannello OSB 35mm, strato isolante in lana di roccia 60mm, membrana impermeabilizzante 4mm, perline in larice per il rivestimento esterno inchiodate su telaio in legno 20mm 120x200013. canale di raccolta delle acque meteoriche in lamiera di acciaio sagomata 4mm14. impianto fotovoltaico: Il fissaggio delle lamiere di supporto dellimpianto avviene con avvitatura sul telaio in legno,una vite blocca il travetto (profilato in alluminio) al telaio in legno, e unaltra blocca la lamiera sul travetto, le lamiere sono collegate una allaltra dallincastro a C, che le ancora al profilato in allumi-nio, la posa dei moduli fotovoltaici avviene attraverso delle piastre a gancio

    DETTAGLIO D: SISTEMA COTRUTTIVOSEZIONE VERTICALE - SCALA 1:201. pavimentazione esterna in lastre di cemento liscio 5/ 50/ 200 cm, massetto di posa in calcestruzzo allegerito 50 mm, membrana im-permeabilizzante, massetto di posa in calcestruzzo allegerito 100 mm armato con rete elettrosaldata, strato di ghiaia 170 mm, terra2. magrone 100mm, strato di protezione della fondazione, plinto di fondazione, strato impermeabile in guaina bituminosa3. tubo drenante 154. magrone 100mm5. pavimentazione interna in resina epossidica autolivellante 2mm, massetto di posa 50 mm, pannello isolante 100 mm, barriera al vapore 4 mm, solaio in calcestruzzo 100 mm armato con rete elet-trosaldata su elementi plastici 400 mm 6. rete metallica saldata7. profilo scatolare in alluminio 100/ 100/ 4 mm8. facciata vetrata a tutta altezza con telaio in alluminio e vetroca-mera 6/ 12/ 6 mm9. controsoffitto formato da pannello fonoassorbente 8 mm con fini-tura liscia e pannello isolante acustico 25 mm su pannello in carton-gesso 12.5 mm, telaio in profili a C e scatolari in acciaio fissati alla trave secondaria10. trave in acciaio a sezione scatolare 300x300 mm11. copertura in lastre di acciaio inox unite ad incanstro con staffe, profili omega di supporto in acciaio inox 50x50 mm, membrana im-permeabilizzante, massetto di appoggio in pendenza 1%, pannello isolante 65 mm, sottostruttura della copertura in travi di acciaio a sezione scatolare 200x200 mm12. canale di raccolta delle acque meteoriche in lamiera di acciaio sagomata 4mm13. lastra monocamera in policarbonato 16 mm, camera daria con sistema di connettori in alluminio di profillo H 40 mm, lastra mono-camera di policarbonato 10 mm, telaio in alluminio a profilo scatola-re 10x20 mm

    DETTAGLIO E: SISTEMA COTRUTTIVOSEZIONE VERTICALE - SCALA 1:201. pavimentazione interna in resina epossidica autolivellante 2mm, massetto di posa 50 mm, pan-nello isolante 100 mm, barriera al vapore 4 mm, solaio in calcestruzzo 100 mm armato con rete elettrosaldata su elementi plastici 400 mm 2. magrone 100mm, strato di protezione della fondazione, plinto di fondazione, strato impermeabile in guaina bituminosa3. tubo drenante 154. magrone 100mm5. rivestimento della parete con due pannelli in cartongesso 12.5 mm, telaio in profili a C e scatolari in acciaio fissati alla muro in mattoni, pannello isolante 65mm6. controsoffitto formato da pannello fonoassorbente 8 mm con finitura liscia e pannello isolante acustico 25 mm su pannello in cartongesso 12.5 mm, pannello isolante 65mm, telaio in profili a C e scatolari in acciaio fissati alla trave secondaria7. trave in acciaio a sezione scatolare 300x300 mm8. pavimentazione interna in resina epossidica autolivellante 2mm, massetto di posa 20 mm, pan-nello isolante 50 mm, barriera al vapore 4 mm, solaio in lamiera grecata con getto di calcestruzzo collaborante 30mm, trave secondaria di acciaio a sezione scatolare 200x200 mm9. copertura in lastre di acciaio inox unite ad incanstro con staffe, profili omega di supporto in accia-io inox 50x50 mm, membrana impermeabilizzante, massetto di appoggio in pendenza 1%, pannello isolante 65 mm, sottostruttura della copertura in travi di acciaio a sezione scatolare 200x200 mm10. canale di raccolta delle acque meteoriche in lamiera di acciaio sagomata 4mm11. lastra monocamera in policarbonato 16 mm, camera daria con sistema di connettori in alluminio di profillo H 40 mm, lastra monocamera di policarbonato 10 mm, telaio in alluminio a profilo scatola-re 10x20 mm12. copertura in lastre di marmo 30 mm, membrana impermeabilizzante, massetto di appoggio in pendenza 1%, pannello isolante 65 mm, sottostruttura della copertura in travi di acciaio a sezione scatolare 200x200 mm13. controsoffitto formato da pannello fonoassorbente 8 mm con finitura liscia e pannello isolante acustico 25 mm su pannello in cartongesso 12.5 mm, telaio in profili a C e scatolari in acciaio fissati alla trave secondaria

    DETTAGLIO B: SISTEMA COTRUTTIVOSEZIONE ORIZZONTALE - SCALA 1:201. controparete in pannelli di cartongesso 120x200mm 12mm, telaio di supporto in profili di alluminio a C, tamponamento esterno: pannello OSB 35mm, barriera al vapore 4mm, fibra di legno x isolamento termico 80mm, pannello OSB 35mm, stra-to isolante in lana di roccia 60mm, mem-brana impermeabilizzante 4mm, perline in larice per il rivestimento esterno 20mm 120x2000 inchiodate su telaio in legno

    DETTAGLIO C: SISTEMA COTRUTTIVOSEZIONE ORIZZONTALE - SCALA 1:201. controparete in pannelli di cartongesso 120x200mm 12mm, telaio di supporto in profili di alluminio a C, tamponamento esterno: pannello OSB 35mm, barriera al vapore 4mm, fibra di legno x isolamento termico 80mm, pannello OSB 35mm, stra-to isolante in lana di roccia 60mm, mem-brana impermeabilizzante 4mm, lamiera grecata in acciaio per il rivestimento ester-no fissata su telaio in montanti di acciao a sezione scatolare 40x60mm

    UNIVERSTA DEGLI STUDI DI TRIESTE_FACOLTA DI ARCHITETTURA_PROGETTAZIONE INTEGRATA

    studenti : FRANCESCO CIMOLINO/FILIP COSO/MAJA PERSIC/LUCA MAIELLO

    MANZANO/RECOVER

    redesign work and living

    unit residenzialiELEMENTI DI FABBRICA

    scheletro portante: fondazioni + elementi verticali

    scheletro portante: copertura + elementi orizzontali

    chiusure orizzontali

    chiusure verticali

    involucro globale34

  • 1DETTAGLIO A: SISTEMA COTRUTTIVOSEZIONE VERTICALE - SCALA 1:201. pavimentazione esterna in pietra 50mm, massetto di posa in sabbia 30mm, strato di ghiaia fine 50mm2. magrone 100mm, strato di protezione della fondazione, plinto di fondazione, strato impermeabile in guaina bituminosa3. tubo drenante 154. magrone 100mm5. vespaio areato h:34+10/50x50cm, cls alleggerito per il passaggio delle tuba-zioni 40mm, barriera al vapore 4mm, strato isolante in lana di roccia 40 mm, catino riflettente in alluminio 8mm, pavimento radiante in anidrite 50mm6. gocciolatoio metallico 7. finestra con apertura ad anta e parte superiore fissa con infisso in alluminio e vetrocamera 4/18/4 8. controsoffitto in pannelli di cartongesso 120x200mm 12mm, telaio di sup-porto in profili di alluminio a C9. solaio prefabbricato alveolare in cemento armato 200mm10. trave prefabbricata in cemento armato 25x25mm11. scuro scorrevole con telaio in alluminio12. tamponamento esterno: pannello OSB 35mm, barriera al vapore 4mm, fibra di legno x isolamento termico 80mm, pannello OSB 35mm, strato isolante in lana di roccia 60mm, membrana impermeabilizzante 4mm, perline in larice per il rivestimento esterno inchiodate su telaio in legno 20mm 120x200013. canale di raccolta delle acque meteoriche in lamiera di acciaio sagomata 4mm14. impianto fotovoltaico: Il fissaggio delle lamiere di supporto dellimpianto avviene con avvitatura sul telaio in legno,una vite blocca il travetto (profilato in alluminio) al telaio in legno, e unaltra blocca la lamiera sul travetto, le lamiere sono collegate una allaltra dallincastro a C, che le ancora al profilato in allumi-nio, la posa dei moduli fotovoltaici avviene attraverso delle piastre a gancio

    DETTAGLIO D: SISTEMA COTRUTTIVOSEZIONE VERTICALE - SCALA 1:201. pavimentazione esterna in lastre di cemento liscio 5/ 50/ 200 cm, massetto di posa in calcestruzzo allegerito 50 mm, membrana im-permeabilizzante, massetto di posa in calcestruzzo allegerito 100 mm armato con rete elettrosaldata, strato di ghiaia 170 mm, terra2. magrone 100mm, strato di protezione della fondazione, plinto di fondazione, strato impermeabile in guaina bituminosa3. tubo drenante 154. magrone 100mm5. pavimentazione interna in resina epossidica autolivellante 2mm, massetto di posa 50 mm, pannello isolante 100 mm, barriera al vapore 4 mm, solaio in calcestruzzo 100 mm armato con rete elet-trosaldata su elementi plastici 400 mm 6. rete metallica saldata7. profilo scatolare in alluminio 100/ 100/ 4 mm8. facciata vetrata a tutta altezza con telaio in alluminio e vetroca-mera 6/ 12/ 6 mm9. controsoffitto formato da pannello fonoassorbente 8 mm con fini-tura liscia e pannello isolante acustico 25 mm su pannello in carton-gesso 12.5 mm, telaio in profili a C e scatolari in acciaio fissati alla trave secondaria10. trave in acciaio a sezione scatolare 300x300 mm11. copertura in lastre di acciaio inox unite ad incanstro con staffe, profili omega di supporto in acciaio inox 50x50 mm, membrana im-permeabilizzante, massetto di appoggio in pendenza 1%, pannello isolante 65 mm, sottostruttura della copertura in travi di acciaio a sezione scatolare 200x200 mm12. canale di raccolta delle acque meteoriche in lamiera di acciaio sagomata 4mm13. lastra monocamera in policarbonato 16 mm, camera daria con sistema di connettori in alluminio di profillo H 40 mm, lastra mono-camera di policarbonato 10 mm, telaio in alluminio a profilo scatola-re 10x20 mm

    DETTAGLIO E: SISTEMA COTRUTTIVOSEZIONE VERTICALE - SCALA 1:201. pavimentazione interna in resina epossidica autolivellante 2mm, massetto di posa 50 mm, pan-nello isolante 100 mm, barriera al vapore 4 mm, solaio in calcestruzzo 100 mm armato con rete elettrosaldata su elementi plastici 400 mm 2. magrone 100mm, strato di protezione della fondazione, plinto di fondazione, strato impermeabile in guaina bituminosa3. tubo drenante 154. magrone 100mm5. rivestimento della parete con due pannelli in cartongesso 12.5 mm, telaio in profili a C e scatolari in acciaio fissati alla muro in mattoni, pannello isolante 65mm6. controsoffitto formato da pannello fonoassorbente 8 mm con finitura liscia e pannello isolante acustico 25 mm su pannello in cartongesso 12.5 mm, pannello isolante 65mm, telaio in profili a C e scatolari in acciaio fissati alla trave secondaria7. trave in acciaio a sezione scatolare 300x300 mm8. pavimentazione interna in resina epossidica autolivellante 2mm, massetto di posa 20 mm, pan-nello isolante 50 mm, barriera al vapore 4 mm, solaio in lamiera grecata con getto di calcestruzzo collaborante 30mm, trave secondaria di acciaio a sezione scatolare 200x200 mm9. copertura in lastre di acciaio inox unite ad incanstro con staffe, profili omega di supporto in accia-io inox 50x50 mm, membrana impermeabilizzante, massetto di appoggio in pendenza 1%, pannello isolante 65 mm, sottostruttura della copertura in travi di acciaio a sezione scatolare 200x200 mm10. canale di raccolta delle acque meteoriche in lamiera di acciaio sagomata 4mm11. lastra monocamera in policarbonato 16 mm, camera daria con sistema di connettori in alluminio di profillo H 40 mm, lastra monocamera di policarbonato 10 mm, telaio in alluminio a profilo scatola-re 10x20 mm12. copertura in lastre di marmo 30 mm, membrana impermeabilizzante, massetto di appoggio in pendenza 1%, pannello isolante 65 mm, sottostruttura della copertura in travi di acciaio a sezione scatolare 200x200 mm13. controsoffitto formato da pannello fonoassorbente 8 mm con finitura liscia e pannello isolante acustico 25 mm su pannello in cartongesso 12.5 mm, telaio in profili a C e scatolari in acciaio fissati alla trave secondaria

    DETTAGLIO B: SISTEMA COTRUTTIVOSEZIONE ORIZZONTALE - SCALA 1:201. controparete in pannelli di cartongesso 120x200mm 12mm, telaio di supporto in profili di alluminio a C, tamponamento esterno: pannello OSB 35mm, barriera al vapore 4mm, fibra di legno x isolamento termico 80mm, pannello OSB 35mm, stra-to isolante in lana di roccia 60mm, mem-brana impermeabilizzante 4mm, perline in larice per il rivestimento esterno 20mm 120x2000 inchiodate su telaio in legno

    DETTAGLIO C: SISTEMA COTRUTTIVOSEZIONE ORIZZONTALE - SCALA 1:201. controparete in pannelli di cartongesso 120x200mm 12mm, telaio di supporto in profili di alluminio a C, tamponamento esterno: pannello OSB 35mm, barriera al vapore 4mm, fibra di legno x isolamento termico 80mm, pannello OSB 35mm, stra-to isolante in lana di roccia 60mm, mem-brana impermeabilizzante 4mm, lamiera grecata in acciaio per il rivestimento ester-no fissata su telaio in montanti di acciao a sezione scatolare 40x60mm

    UNIVERSTA DEGLI STUDI DI TRIESTE_FACOLTA DI ARCHITETTURA_PROGETTAZIONE INTEGRATA

    studenti : FRANCESCO CIMOLINO/FILIP COSO/MAJA PERSIC/LUCA MAIELLO

    MANZANO/RECOVER

    redesign work and living

    unit residenzialiELEMENTI DI FABBRICA

    scheletro portante: fondazioni + elementi verticali

    scheletro portante: copertura + elementi orizzontali

    chiusure orizzontali

    chiusure verticali

    involucro globale 35

  • 36

  • 37

  • 38

  • 040 reloadedarchitectural design laboratory

    2011, trieste I italy

    filip oso, maja persi,francesco zugna

    39

  • 40

  • Il progetto cerca di rispondere alle esigenze di un classico quartiere prettamente residen-

    ziale ad alta densit con carenza di centri di aggregazione. Lintervento mira a creare

    un luogo di incontro con una serie di servizi attivi destinati a varie categorie di utenti in

    modo da coprire il maggior range di popolazi-one possibile.

    Lintervento vuole caratterizzarsi come mini-mamente invasivo nei rispetti delle propriet

    private circostanti, per cui una delle caratter-istiche principali di minimizzare gli espropri.

    Il progetto si articola in due volumi distinti. Il primo volume quello dellex Ospedale de-gli Abbandonati, ripensato nellottica delle

    nuove esigenze progettuali. Esso, a sua volta, si articola in due corpi principali nettamente

    distinti, sia architettonicamente che funzi-onalmente. Il primo viene adibito a residence hotel di cca. 2000 mq, 30 stanze configurate

    attorno ad una corte interna. Il secondo, invece contiene gli spazi della mediateca

    nonch quello della sala conferenze, e si pre-senta anchesso configurato attorno ad una corte adibita a cinema allaperto. I due corpi

    racchiudono una piazza allungata, circondata da servizi di ristorazione che costituiscono

    il food court, che si presenta come cen-tro del complesso. Il secondo un volume ex novo che si colloca al posto dellattuale

    campo sportivo. Si tratta di un centro danza, configurato in un edificio semiipogeo con

    ricollocato sulla copertura il campo sportivo esistente. Il filo conduttore del sistema pro-

    gettuale diventa la piazza che ha un carattere diversificato che va ad adattarsi al contenuto

    che le si affaccia di volta in volta.

    41

  • 42

  • 43

  • 44

  • 45

  • 46

  • into the wildurbanistic design laboratory

    2010, chiusaforte I italy

    filip oso, maja persi

    47

  • 48

  • Il progetto vede larea dellex caserma alpini Zucchi riqualificata come piazzola di sosta delladiacente autostrada, vista limportanza

    che questultima assume nei confronti del paese di Chiusaforte. La nostra proposta in

    riguardo prevede unarea industriale-artigia-nale (visto che parte dello spazio ne gi

    adibito), unarea commerciale (come mag-nete per il grande flusso autostradale, non-ch come immediato spazio espositivo per le merci artigianali locali prodotte accanto), unarea di residence (per coloro che desid-

    erano sostare a lungo termine e godere della svariata offerta dellintera zona) arricchita da

    unarea sportiva della quale andrebbero ad usufruire anche i chiusafortini.

    Visto il dislivello presente tra lautostrada e lo spazio della caserma, abbiamo deciso di

    sfruttarlo per creare degli edifici che abbiano una dupplice funzione: tetto-parcheggio con

    servizi necessari per una sosta breve, e spazi commerciali al di sotto. In questo modo abbi-

    amo ottenuto anche una divisione tra flusso autostradale e quello della strada statale, i

    cui utenti sono liberi di usufruire degli stessi servizi. Il progetto prevede nuova edifica-

    zione, ma anche la conservazione di alcuni fabbricati esistenti, ristrutturati e riqualificati

    alle nuove funzioni duso.

    49

  • 50

  • 51

  • 52

  • 53

  • Copyright 2014 Maja Persi. All rights reserved.